Accompagnare, discernere, integrare: profili e prospettive giuridico-ecclesiali

Lun, 02/07/2018

ASSOCIAZIONE CANONISTICA ITALIANA
GRUPPO ITALIANO
DOCENTI DI DIRITTO CANONICO
XLV INCONTRO DI STUDIO
Studio e approfondimentodel Codice di Diritto Canonico

 

«Credo che una delle cose di cui la Chiesa oggi ha più bisogno, e questa cosa è molto chiara nelle prospettive e negli obiettivi pastorali dell’Amoris
laetitia, è il discernimento. Noi siamo abituati al “si può o non si può”. La morale usata nell’Amoris laetitia è la più classica morale tomista, quella
di san Tommaso, non del tomismo decadente come quello che alcuni hanno studiato. Ho ricevuto anch’io, nella mia formazione, la maniera del
pensare “si può o non si può”, “fin qui si può, fin qui non si può”. […] Se date un’occhiata al panorama delle reazioni suscitate dall’Amoris laetitia,
vedrete che le critiche più forti fatte contro l’Esortazione sono sull’ottavo capitolo: un divorziato “può o non può fare la Comunione?”. E invece
l’Amoris laetitia va in una direzione completamente diversa, non entra in queste distinzioni e pone il problema del discernimento. Che era già alla
base della morale tomista classica, grande, vera». 

FRANCESCO Incontro privato con i sacerdoti della Compagnia di Gesù, Santuario di Sant’Alberto Hurtado, 16 gennaio 2018

Programma

Per informazioni sull’Incontro di Studio indirizzare a:
Mosconi Mons. Marino
Piazza Fontana 2 - 20122 Milano
telefono 02 8556284 - 328 8497270
mmosconi@inwind.it